Joe Biden ha appena gettato nel caos il calendario delle primarie del 2024

Adriana Lima
By Adriana Lima 16 Min Read

Una spinta discreta da parte dei Democratici a rielaborare il loro calendario delle primarie presidenziali del 2024 è stata gettata nel caos giovedì dal presidente Joe Biden, quando Biden ha proposto un rimpasto inaspettatamente radicale che è tutt’altro che chiaro che il partito sarà in grado di mettere in atto.

I democratici avevano già anticipato di cacciare l’Iowa dalla loro lista di stati autorizzati a tenere i primi concorsi. Quindi, l’aspettativa era che avrebbero deciso se il New Hampshire o il Nevada sarebbero andati per primi, e quale stato del Midwest avrebbe dovuto essere aggiunto per unirsi alla Carolina del Sud e completare l’elenco, con il Comitato per le regole e il regolamento del Comitato nazionale democratico pronto a fare una raccomandazione questo fine settimana.

La proposta di Biden giovedì poi “è stata uno shock” per i principali democratici, il Lo hanno riferito Michael Scherer e Tyler Pager del Washington Post. L’Iowa sarebbe ancora abbandonato. Ma il presidente vuole che la Carolina del Sud vada per prima, seguita da New Hampshire e Nevada lo stesso giorno, poi Georgia e poi Michigan.

In un lettera diffusa pubblicamente al Comitato Regolamento e Statuto, Biden non ha menzionato quella specifica formazione statale, ma ha affermato che era “inaccettabile” che gli elettori neri “siano stati spinti in secondo piano rispetto al primo processo delle primarie”. Far andare prima la Carolina del Sud e aggiungere sia la Georgia che il Michigan come primi stati affronterebbe sicuramente questa preoccupazione, dal momento che gli elettori neri costituiscono un’ampia quota dell’elettorato democratico in tutti quegli stati.

Ma un problema – e uno grosso – è che i Democratici in realtà non hanno il potere di spostare le date ufficiali delle primarie di questi stati. I repubblicani controllano i governi statali nel New Hampshire, nella Carolina del Sud e in Georgia, e presto un repubblicano sarà nominato anche governatore del Nevada. Il Comitato Nazionale Repubblicano ha già dichiarato non apporterà modifiche al calendario delle nomine repubblicane e i funzionari del New Hampshire si sono impegnati a garantire che nessuna primaria vada prima della loro. E anche i funzionari democratici dentro New Hampshire e Nevada hanno già criticato la proposta di Biden.

Teoricamente, i partiti democratici statali in questi stati gestiti dal GOP possono rinunciare alle primarie statali e tenere i propri concorsi per le nomine in date diverse. Ma ciò significherebbe rinunciare ai finanziamenti statali e all’amministrazione elettorale e lasciare che il partito gestisca i concorsi da solo – una prospettiva costosa e logisticamente difficile, in particolare dato che Biden ha anche affermato di voler massimizzare la partecipazione e abbandonare i caucus.

Nel complesso, la proposta di Biden è un ripensamento inequivocabilmente audace di una prima formazione statale che non ha molto senso razionale ed è stata lasciata sul posto a causa dell’inerzia e della paura di suscitare polemiche. Ma potrebbe imparare abbastanza presto perché i precedenti leader del partito hanno esitato a scuotere la barca.

Qual è il retroscena qui?

Né il Partito Democratico né quello Repubblicano pianificano centralmente un programma completo per la serie sfalsata di primarie e caucus di mesi che finiscono per determinare i candidati presidenziali: i governi statali oi partiti scelgono le proprie date per i loro concorsi particolari. Ma dopo che troppi stati hanno cercato di scavalcarsi l’un l’altro per anticipare il processo, entrambi i partiti nazionali hanno stabilito restrizioni su chi ottiene il privilegio speciale di essere uno “stato iniziale” – uno che va prima che le cateratte siano aperte a tutti e abbia il potere di molto influenzare le percezioni nazionali su quali candidati possono effettivamente vincere.

Dal 2008, i Democratici hanno designato quattro primi stati nel seguente ordine: Iowa, New Hampshire, Nevada e South Carolina. Hanno un mese intero tutto per sé. Se qualsiasi altro stato cerca di saltare la linea, sarà punito dal partito nazionale, come la Florida e il Michigan scoperto quell’anno. Ma Iowa e New Hampshire hanno mantenuto quei primi due posti dagli anni ’70, combattendo tenacemente contro chiunque altro cerchi di precederli. Hanno romanticizzato il modo in cui i loro piccoli stati lasciano che le campagne di vendita al dettaglio e le interazioni uno a uno, non solo i grandi soldi e gli acquisti pubblicitari, siano importanti. Eppure i critici hanno sostenuto che un Partito Democratico razzialmente diversificato non dovrebbe dare a due stati prevalentemente bianchi i loro due posti di calendario più privilegiati.

L’inerzia è persistita fino a quando l’Iowa ha iniziato a fare davvero casino. I due più recenti caucus presidenziali democratici sono stati controversi e disordinati. La questione nel 2016 era una mancanza di una traccia cartacea sul conteggio effettivo dei voti per i caucus (che avvengono prevalentemente attraverso discussioni di persona). A causa di ciò, riforme per il 2020 avevano lo scopo di aumentare la trasparenza, ma in pratica hanno complicato il processo di rendicontazione, rallentando gravemente i risultati, che finito per prendere circa una settimana per ottenere. Difficoltà tecniche ed evidenti errori nel conteggio fatto il tutto sembra uno spettacolo di clown.

Questa volta, c’era la sensazione tra molti nella festa che il tempo dell’Iowa fosse scaduto. Piuttosto che prendere di mira esplicitamente l’Iowa, il DNC ha affermato che stava aprendo l’intera formazione statale iniziale e ha invitato qualsiasi parte statale a presentare domanda. Ad aprile, hanno stabilito gli standard per la loro decisione: diversità, competitività elettorale generale e fattibilità di spostare e organizzare un concorso.

Oltre una dozzina di partiti statali hanno presentato domanda (e i primi stati esistenti hanno presentato nuovamente domanda). Ma fino a giovedì sera, quello che ci si aspettava era un cambiamento piuttosto semplice: Iowa fuori all’inizio del gruppo e Minnesota o Michigan verso la fine del gruppo (poiché il DNC aveva promesso che almeno uno stato del Midwest sarebbe andato presto), con il dramma che era se il New Hampshire o il Nevada avrebbero avuto il cenno del capo per andare per primi.

Le opinioni di Biden, tuttavia, erano un mistero. Pochi giorni fa, un reportage di Politico descritto “frustrazione tra alcuni membri del DNC per il silenzio della Casa Bianca”, citando un membro del DNC che affermava che avrebbe sostenuto qualunque cosa Biden volesse, ma che la Casa Bianca “non ci ha dato nulla”.

Cosa significherebbe la proposta di Biden?

Ora Biden ha preso il sopravvento. E la sua formazione iniziale proposta – Carolina del Sud, poi New Hampshire e Nevada lo stesso giorno, poi Georgia, poi Michigan – è significativa per diversi motivi:

Muove la Carolina del Sud, lo stato che notoriamente salvò le sue ambizioni presidenziali nel 2020, prima. Oltre a escludere l’Iowa, riduce anche il New Hampshire, assegnando allo Stato di Granito la condivisione della sua data principale con il Nevada. Aggiunge due nuovi primi stati, Georgia e Michigan, che sono entrambi stati oscillanti presidenziali, sono più popolosi di altri primi stati e hanno un’ampia quota di elettori neri nei loro elettorati democratici.

Biden non ama i caucus dell’Iowa o le primarie del New Hampshire. Nella sua corsa alla presidenza del 2008, è arrivato quinto in Iowa e successivamente si è ritirato. Nel 2020, ha fatto quasi altrettanto male, arrivando quarto in Iowa e quinto nel New Hampshire, ma si è ripreso arrivando secondo in Nevada, ha vinto alla grande nella Carolina del Sud e poi ha dominato il Super Tuesday. Questi risultati gli danno una valida argomentazione secondo cui, oltre a essere a lui personalmente sfavorevoli, Iowa e New Hampshire sono semplicemente fuori passo con il Partito Democratico nazionale.

Più in generale, la formazione ha implicazioni per le due principali divisioni emerse nelle recenti contestate nomination democratiche: razza e ideologia. Gli elettori neri (che hanno sostenuto in modo schiacciante Barack Obama su Hillary Clinton nel 2008, Clinton su Bernie Sanders nel 2016 e Biden su Sanders e altri candidati nel 2020) otterrebbero un’enorme influenza nel calendario di Biden. Gli stati prevalentemente bianchi, così come il Nevada, dove i latini rappresentano gran parte dell’elettorato democratico, vedrebbero diminuire la loro influenza relativa.

Quando si tratta di ideologia, Sanders ha fatto relativamente bene sia nel 2016 che nel 2020 in Iowa, New Hampshire e Nevada – afferma che Biden sta retrocedendo – e ha fatto male in entrambi gli anni in South Carolina e Georgia, afferma che Biden sta promuovendo. Il Michigan è più difficile da classificare, dal momento che Sanders ha sconvolto Clinton lì nel 2016 ma ha perso molto contro Biden lì nel 2020. Ma nel complesso, assegnare due dei primi posti statali agli stati del sud probabilmente non aiuterebbe le possibilità dei progressisti nelle future gare presidenziali.

Non è nemmeno chiaro se i Democratici avranno una nomination contestata nel 2024 se Biden si candiderà di nuovo, come ha suggerito che lo farà. Quindi non è chiaro se, se questi cambiamenti verranno adottati, avranno molta importanza nel breve termine. Inoltre Biden lettera sottolineata che intendeva applicare queste modifiche solo al ciclo 2024 e che il DNC dovrebbe rivedere il calendario ogni quattro anni, ma una volta che vieni aggiunto come stato iniziale, è probabilmente un grande vantaggio a tuo favore mentre cerchi di mantenere quella posizione nel futuro. Quindi il modo in cui andrà a finire probabilmente avrà importanza, almeno alla fine.

Accadrà anche questo?

Parte del motivo per cui la proposta di Biden è così sorprendente è che sembra ignorare la questione pratica piuttosto importante se i Democratici possano persino implementare queste modifiche al calendario.

Per capire perché, tieni presente che le primarie sono gestite e amministrate dai governi statali, non dai partiti. È costoso tenere una primaria in tutto lo stato e difficile amministrarne una, e il governo statale ha generalmente la migliore esperienza nel farlo. Ma se vuoi che lo stato paghi il conto, lo stato sceglie la data. Le date primarie generalmente sono stabilite nella legge statale e lo spostamento di tali date richiederebbe l’approvazione di nuove leggi.

Quindi, mentre tecnicamente entrambe le parti sono libere di tenere i propri concorsi per le nomine quando vogliono, in pratica la maggior parte lascia che se ne occupi il governo statale. E in tre dei primi stati proposti da Biden – Carolina del Sud, New Hampshire e Georgia – i repubblicani controllano completamente il governo. Probabilmente non saranno ansiosi di spostare le date delle primarie secondo i desideri di Joe Biden. E l’RNC ha già detto non apporterebbe modifiche al proprio calendario. (La legge dello stato del New Hampshire richiede che lo stato tenga le prime primarie della nazione e autorizza il segretario di stato a spostare la data affinché ciò accada.)

Il Michigan è l’eccezione: i democratici hanno ottenuto il controllo della loro legislatura e il governatore Gretchen Whitmer (D) è stato rieletto), quindi il partito può spostare le primarie quando vuole. Questo è uno dei motivi per cui ci si aspettava che l’eventuale proposta del DNC non sarebbe cambiata molto oltre a lasciare l’Iowa e aggiungere il Michigan alla fine della formazione. In effetti, il partito ha annuito a questo facendo della “fattibilità” uno dei criteri principali per giudicare le modifiche al calendario proposte, ma Biden sembra non aver condiviso questo obiettivo.

In teoria, sarebbe possibile per i partiti democratici statali negli stati gestiti dal GOP rinunciare alle primarie gestite dal governo e finanziare e gestire i propri concorsi per le nomine. Molte parti hanno organizzato caucus per questo motivo in passato. Ma i caucus richiedono la presenza di persona in un momento specifico, e questo riduce l’affluenza alle urne, quindi i Democratici si sono inaspriti su di loro – anzi, Biden ha scritto nella sua lettera al DNC che voleva “liberare il processo di nomina” dai caucus. Una “primaria gestita dal partito”, come alcuni stati democratici utilizzati nel 2020è un’altra alternativa, ma, ancora una volta, sarebbe costoso e scoraggiante renderla accessibile come una normale primaria statale.

Tutto ciò significa che la proposta di Biden potrebbe essere più ambiziosa che realistica. Il Michigan diventerà probabilmente uno stato iniziale, ma ci sono grandi punti interrogativi su ciò che accade con ogni altro stato e sull’ordine generale.

E anche l’idea di Biden, per quanto ambiziosa, non ha affrontato alcuni dei maggiori problemi del sistema attuale. Uno è la semplice ingiustizia: perché gli elettori di alcuni stati dovrebbero ottenere privilegi speciali per essere trattati come più importanti di altri, a causa del loro posto nel calendario? L’altro è la volatilità: ha davvero senso avere un candidato di un partito importante così fortemente influenzato dall’esatta sequenza di quattro o cinque stati su 50 che vanno per primi? L’impatto dei primi stati può spesso sembrare casuale e arbitrario. Senza una revisione più radicale, questo non cambierà.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden parla in una conferenza stampa nella East Room della Casa Bianca durante una visita di stato a Washington, DC, il 1° dicembre. Al Drago/Bloomberg tramite Getty Images

Share This Article
Leave a comment